NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
< >

Il lavoro cambia l'agricoltura

IV° congresso nazionale Alpaa - Scilla, 22-23 novembre 2018

Lecce

Le giornate del Lavoro

AlpaaPesca

Rappresenta e tutela i lavoratori autonomi della piccola pesca costiera e dell'acquacoltura

Alpaa

Brochure Alpaa

Crowdfunding

Progetto Terra Viva

News stampa

Comunicati stampa

Alpaa

Brochure Alpaa

Comunicato Stampa Assemblea ALPAA Pesca - Sapri (SA)

Rilanciare subito una vertenza sulle quote pesca del tonno in Italia e sull'apertura da parte delle regioni dei bandi FEAMP, il Fondo europeo che destina all'Italia ingenti risorse. Questi sono stati i temi dominanti dell'assemblea organizzata da ALPAAPesca, chesi è svolta nella sala del comune di Sapri, cui hanno partecipato folte delegazioni di pescatori delle marinerie del Golfo di Policastro.

Entrambi i temi, più di ogni altro, si ripetono nella "Campagna di ascolto" lanciata da ALPAAPesca nelle scorse settimane; segnale evidente dell'interesse dei pescatori della piccola pesca costiera verso due importanti questioni che, se affrontate subito, potrebbero dare una boccata di ossigeno al settore, investito da un profondo e lungo periodo di crisi. 

Il primo tema non è nuovo, e riguarda da una parte l'iniqua - e non più sostenibile - distribuzione delle quote di pesca del tonno assicurate, caparbiamente e contro ogni logica di equità, dal MIPAAF a soli pochi (e grandi) operatori, tagliando completamente fuori la piccola pesca, dall'altra il fenomeno prevedibile del ripopolamento del tonno nei nostri mari, dovuto al lungo periodo di contingentamento della pesca, che rischia di produrre uno squilibrio dell'ambiente marino, con ripercussioni sull'attività di pesca.

Vi è poi il tema dei bandi FEAMP sulla programmazione 2014-2020, che rischia di tramutarsi da farsa in dramma: a fine 2016, al termine dei primi tre anni del periodo dato, solo poche regioni hanno pubblicato pochi bandi. Buona parte di esse, in modo particolare le regioni maggiormente interessate alla piccola pesca, non hanno neppure cominciato, lasciando sospese ingenti risorse a danno dei pescatori. Un comportamento davvero insostenibile, ancor di più se lo rapportiamo alle decisioni di altri paesi a noi vicini dove i pescatori hanno già cominciato a beneficiare delle risorse comunitarie.

A breve, in occasione della valutazione finale della "Campagna di ascolto" e delle indicazioni pervenute, saranno decise le azioni da intraprendere partendo dall'assunto, come ha assicurato il presidente dell'ALPAA, Gino Rotella, concludendo l'assemblea, che "la vertenza è già aperta, riguarda le quote pesca del tonno e i bandi del FEAMP ma non solo, attiene soprattutto alla qualità della spesa, ossia al modo e a chi saranno destinate effettivamente le risorse comunitarie che devono prendere non già la via delle clientele ma quella dello sviluppo del settore e, con esso, del destino di migliaia di pescatori della piccola pesca costiera del nostro paese".

Ufficio Stampa AALPA 

Roma, 25 ottobre 2016

Governo

  • Il Governo
  • Palazzo Chigi
  • Diretta video 
  • La Costituzione 
  • Agenda